Un oggetto misterioso.

Nettalingua ayurvedico - foto trovata su internet

Nettalingua ayurvedico – foto trovata su internet

Quando ero piccolo e la mattina non mi sentivo troppo bene mia madre mi faceva tirare fuori la lingua, osservava la patina sopra e talvolta esclamava: «Hai la lingua carica!» Cosa volesse dire quel termine “carica” ancora non lo so, ma già allora sapevo che aveva a che fare con l’indigestione e che quindi mi aspettavano un paio di giorni di dieta in bianco e niente “troiai” come dolci o cioccolate… Si trattava di una medicina popolare che le nostre mamme e nonne hanno usato fino al dopoguerra, che poi è stata totalmente abbandonata a favore dei farmaci e che per assurdo noi riscopriamo adesso grazie alle medicine orientali.

L’oggetto misterioso nella foto in alto proviene dalla medicina ayurvedica, è un nettalingua e serve proprio per togliere la patina, formata principalmente da batteri, che durante la notte si accumula sulla lingua. Quello della patina è uno dei vari modi che il nostro organismo usa per disintossicarsi e perciò è utile, la mattina appena alzati, prima di bere o mangiare, passare questo raschietto sulla lingua con una piccola pressione, partendo dal fondo fino alla punta. Questa piccola forma di igiene pulisce la lingua, rimuove le tossine e i batteri accumulati, aumenta la secrezione di saliva e rende più sensibili le papille gustative.

Il raschietto, che va ben pulito e sciacquato in ogni passaggio, può essere fatto in acciaio inox oppure in rame. Quello tradizionale indiano è in rame ma ha la controindicazione che si ossida e quindi necessita di essere lavato spesso con aceto e sale, mentre quello in acciaio inox  non ha questo problema e quindi si può tranquillamente sciacquare con l’acqua, asciugare e riporre (io infatti uso questo da più di un anno).

Sfogliando un libro su questi argomenti, ho scoperto che la medicina ayurvedica usa la lingua e soprattutto la distribuzione e la colorazione della patina che si forma su di essa come metodo diagnostico  per scoprire altre malattie, basandosi sulla riflessologia che vede tutti gli organi del corpo riflessi sulla lingua, secondo la mappa sottostante.  E’ un argomento curioso e sicuramente da approfondire.

Riflessologia lingua - immagine trovata su Internet

Riflessologia lingua – immagine trovata su Internet

Annunci

8 pensieri su “Un oggetto misterioso.

  1. Aida ha detto:

    Beh, se non si trova il raschietto si potrebbe per assurdo usare un cucchiaino o uno spazzolino prima di fare colazione. Per la precisione è vero che i medici (soprattutto i pediatri) hanno la tendenza di osservare la lingua (e le tonsille) per verificare la presenza o meno di problemi agli organi interni.
    Tempo fa (qualche mese fa) provai ad assaggiare il cuore di verza crudo sottoforma di insalata. Le foglie, dopo averle lavate, le ho lasciate marinare con del sale e e ho condite con olio ed aceto. Una volta assaggiate ho provato un senso di bruciore fortissimo sul fondo della lingua, un bruciore che è durato qualche ora e che aveva arrossato le papille gonfiandole. Non ho mai capito il motivo di fondo, la sostanza che ha fatto scatenare tale reazione ma credimi, appena appoggiavo lo spazzolino con il dentifricio il dolore andava alle stelle.

    Liked by 1 persona

    • Marco ha detto:

      In effetti l’uso di un cucchiaio può benissimo sostituire il nettalingua. Sulla reazione al cavolo crudo a volte ce l’ho anch’io: ho sempre pensato che fosse un problema mio di infiammazione e non ho mai approfondito l’argomento. Nonostante ciò, specialmente in inverno, mangio il cavolo crudo praticamente tutti i giorni.

      Liked by 1 persona

      • Aida ha detto:

        Forse sarà una sostanza che con la cottura perde la sua efficacia. Non saprei, dovrò provare qualche volta a lasciare marinare il cavolo con molto limone, di modo che cuocia nell’acido del succo. Quello del cucchiaio è un escamotage che scoprii ad un programma. Serve a verificare in realtà se si soffre di alitosi…

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...