Buon Natale a tutti!!!!

Foto

Foto “Happy Christmas!” by Sandrine Néel – flickr

Come ho già scritto nell’altro mio blog  mi scuso con tutti i lettori  e amici per non essere passato a farvi gli auguri sui vostri blog ma, oltre ai consueti impegni pre-natalizi, è da quattro giorni che sto lottando con l’influenza e ho fatto di tutto per non passare a letto almeno il giorno di oggi. Spero di passare nei blog di tutti nei prossimi giorni…

Buon Natale a tutti gli amici del blog e alle loro famiglie!

 

Annunci

Un altro oggetto misterioso.

Foto "La mia Neti lota" by lascimmiabiaca.wordpress.com

Foto “La mia Neti lota” by lascimmiabiaca.wordpress.com

Oggi vi presento un altro oggetto misterioso. La prima volta che l’ho fatta vedere a casa mi è stato detto che poteva essere una lampada di Aladino oppure una piccola teiera (ma giusto da mezza tazza di the…). In realtà è un oggetto usato nella medicina ayurvedica che si chiama neti lota (neti pot in inglese) e serve per la pratica dello jala neti, ovvero per il lavaggio delle cavità nasali.

In pratica si riempie la lota di acqua tiepida (più o meno alla temperatura del corpo umano) nella quale si è sciolto del sale marino integrale. Le indicazioni sono di un cucchiaino raso di sale ogni 500 ml, per cui per una lota come quella nella foto si usa mezzo cucchiaino scarso. Il sale integrale può essere marino oppure anche di miniera (tipo sale rosa dell’Himalaya) con l’avvertenza di non usare il sale integrato con altri componenti, come il sale iodato.

A questo punto si porta la testa sul lavandino, si inclina su un lato e si inserisce il beccuccio nella narice superiore. Se la posizione è corretta (e giuro che si impara subito) l’acqua scorrerà nelle cavità nasali e uscirà regolarmente dall’altra narice. Versata metà dell’acqua si cambia narice e si ripete l’operazione dall’altro lato. Logicamente, mentre versiamo l’acqua dovremo respirare dalla bocca. Al termine basta soffiarsi il naso per bene ma delicatamente (senza fare troppa pressione) per far uscire l’acqua residua con le ultime impurità. Io è da un mese circa che pratico tutti i giorni questo lavaggio del naso e devo dire che ne trovo molti benefici.

Lo jala neti è indicato in caso di raffreddore, sinusiti, riniti allergiche, rinorrea, alitosi, mal di gola e tosse ma anche semplicemente per liberare il naso dalle polveri inquinanti e dagli allergeni che avete respirato nella giornata. Come conseguenza della liberazione delle cavità nasali pare che aumenti anche il senso del gusto e dell’olfatto. Le avvertenze allegate alla mia neti lota dicono che in caso di raffreddore si può ripetere l’operazione fino a 4 volte al giorno. Le uniche controindicazioni serie, in cui è bene non eseguire la pulizia, sono nel caso epistassi cronica o di ferite all’interno del naso. Per il resto se dovesse bruciarvi un po’ il naso vuol semplicemente dire che avete esagerato un po’ con la dose di sale o con la temperatura dell’acqua… In due o tre volte si impara a dosare tutto e ad assumere la posizione giusta.

Oltre ai benefici elencati sopra, questa operazione è molto utilizzata da chi pratica Hata Yoga, Daoyin e Qi Gong perchè è proprio dalle narici, attraverso la respirazione profonda, che si assume il soffio dell’energia vitale  che alimenta il corpo (“prana” per lo yoga e “qi” per daoyin e qi gong).

Vi lascio con un video in italiano che ho trovato su youtube dove potrete vedere quanto è semplice il lavaggio nasale.  Con tanti ringraziamenti all’autore del video.