Occidentali’s karma.

Avete presente quelle bottigliette in plastica col tappo azzurro a forma di Madonna con dentro l’acqua di Lourdes? Se una quindicina d’anni fa mi avessero detto che la mia cattolicissima mamma, sul cassettone di camera, avrebbe messo a far compagnia alla suddetta Madonna una statuetta di Ganesh non ci avrei creduto. E, se non l’avessi vista con i miei occhi venti giorni fa, non avrei nemmeno creduto che la mia mamma, logicamente con i suoi tempi e aiutandosi un po’ col muro, a 83 anni fosse in grado di fare e tenere la candela (sarvangasana) per poi rialzarsi da sola dal tappetino… Potere dello yoga!

Quattro anni fa, quando iniziai ad andare in palestra per fare compagnia a mia moglie, non avrei mai creduto nemmeno che io mi sarei appassionato di quella ginnastica medica cinese dove sembra che uno non faccia mai niente ma che alla fine ti fa star bene… E mi sarei buttato via dal ridere al solo pensiero che nel 2017 oltre alla ginnastica mi sarei messo a studiare anche la filosofia e la medicina tradizionale cinese,  col fine di sostenere diversi esami e forse in futuro diventare un istruttore di quella ginnastica… Potere del daoyin!

Insomma, se Francesco Gabbani voleva prendere in giro i borghesotti occidentali flashati dall’Oriente,  con me e mia mamma ha fatto pieno centro! E sinceramente essere presi per il culo in modo  così divertente è anche piacevole. Ma tutto ciò, come farebbe intuire Gabbani nella sua canzone, è forse un peccato che ci fa tornare allo stato scimmiesco, in una sorta di involuzione culturale?

E’ logico che mia mamma non ha mai letto la Bhagavadgītā (e forse ne ignora anche l’esistenza) e che anch’io faccio una gran confusione in quel poco che conosco, di taoismo, confucianesimo e buddismo. Però quello che facciamo ci piace, ci fa star bene ed è comunque uno stimolo ad imparare cose nuove e a confrontarsi con altre culture. E se grazie allo yoga o al daoyin si riesce ad essere più sereni e anche più in salute, che male c’è? E’ più scimmiesco rilassarsi con una asana o con un Prozac? E’ più evoluto tenere a bada la pressione con le pasticchette delle multinazionali del farmaco o (finchè si può) con i dodici minuti della forma del cuore del daoyin? E se la sapienza millenaria di antiche culture orientali potesse coesistere con la scienza moderna? Magari con quella ricerca scientifica che non è schiava del profitto ad ogni costo?

Il mondo ormai si è fatto piccolo, le culture si incontrano e le persone si incuriosiscono a vicenda. L’insegnante cinese con cui feci un corso nel 2015 ringraziò noi occidentali per la  forza di volontà che mettiamo nel voler praticare un’attività di cui conosciamo poco, dicendoci che tutto ciò con la globalizzazione è diventato reciproco, come quando i cinesi cercano di capire  e rivivere il Natale e  le altre tradizioni occidentali. Caro Gabbani, come cinese io sono ridicolo e improbabile  al pari di quell’imprenditore di Pechino immortalato dal TG2 anni fa, che, dovendo produrre dei presepi, si sbagliò e al posto della Madonna mise Biancaneve accanto a San Giuseppe. Però preferisco essere un improbabile cinese piuttosto che uno yankee  trumpiano!  … Namasté Alé!

p.s. Mia suocera, coetanea di mia mamma e  il cui hobby è ascoltare p. Livio Fanzaga, se la metti in terra su un tappetino, per rialzarsi deve chiamare i pompieri… Potere di Radio Maria!

Annunci

10 pensieri su “Occidentali’s karma.

  1. Aida ha detto:

    Certo, forse chi come me è ancora scettico su tali pratiche le ridicolizza con questo o quell’assunto. Personalmente non sento il bisogno di fare yoga, ma a dire la verità la curiosità di tentare qualche pratica orientale c’è. Leggendo spesse volte i tuoi post si evince che seguendo specifiche tecniche l’equilibrio lo si ritrova principalmente a livello psichico, poi fisico, tenendo in considerazione il fatto che oggi tutto è una gran fretta e uno stress. Ho letto molto di massaggi, di cromoterapia, di cristalloterapia e credo che qualcosa di fondo debba esserci, altrimenti perché non avallare e, contemporaneamente, non confutare?

    Liked by 1 persona

    • Marco ha detto:

      Come ho raccontato in altri post io ho iniziato per caso, per accompagnare mia moglie… poi mi sono trovato bene e mi si è aperto un mondo: nel senso che al daoyin ho aggiunto il taiji, la meditazione e qualche briciola elementare di medicina cinese. Prima ero totalmente scettico e ad immaginarmi quello che faccio adesso mi sarei buttato via dal ridere!
      Noto però che, con tanta gente che viene a provare queste discipline, poi sono molto pochi quelli che continuano perchè all’inizio sono più le delusioni che i piaceri! Per avere dei benefici i tempi sono lunghi e impegnativi… e la gente non ha pazienza ne’ costanza… (mi hai dato l’idea per farci un post, grazie)

      Liked by 1 persona

      • Aida ha detto:

        Segnalami il post che voglio passare a leggerlo. Devi scusarmi se non mi soffermo molto, ma ultimamente sto avendo alcuni impegni e difficilmente posso dedicare tempo a wdp.

        Sottolineo una cosa. Dall’oriente ci giunge una sensazione di pace, di tranquillità e di rilassatezza. Sarà forse una mia impressione, ma forse c’entra la loro filosofia.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...