Meridiani e Religioni.

San Francesco riceve le stimmate - Lubiana chiesa de francescani - Foto by lascimmiabianca.wordpress.com

San Francesco riceve le stimmate – Lubiana chiesa dei francescani – Foto by lascimmiabianca.wordpress.com

Il daoyin e molte pratiche olistiche o discipline sportive che attingono alla Medicina Tradizionale Cinese si basano sulla circolazione dell’energia vitale (qi) nei meridiani, ognuno dei quali è percorso da una serie di punti che possono essere stimolati tramite la ginnastica, la digitopressione, i massaggi  o l’agopuntura. Tali pratiche, pur non (ancora) provate scientificamente, apportano dei benefici in molte persone tanto che difficilmente si possono liquidare come banali suggestioni… Basta chiedere a chi ha appena fatto una seduta di shiatsu o di tuina.

Nel daoyin, mentre si fanno i movimenti della ginnastica, si immagina con la mente l’energia vitale che circola nel corpo o che assorbiamo dall’esterno attraverso determinati punti dell’agopuntura,  come il laogong (palmo delle mani – punto 8 del meridiano del pericardio) o lo yongquan (pianta dei piedi – punto 1 del meridiano del rene). Saranno anche suggestioni ma, se una persona è particolarmente concentrata e rilassata, si dice che possa sentire il “qi” che circola. Ad esempio nel laogong alcuni sostengono di sentire un formicolio, un intorpidimento, un “pizzicorino”… altri addirittura usano il termine “friggere”…

Tali pensieri mi sono tornati in mente  tempo fa quando, mettendo a posto le foto di alcuni viaggi mi sono imbattuto in quella che apre l’articolo. Sarà un caso, ma quelle che secondo la chiesa sarebbero le stimmate, avvengono proprio nei punti laogong delle mani e yongquan dei piedi. E così m’è partito un pensiero strano…  E se l’esperienza mistica delle stimmate, invece di rappresentare i segni della crocifissione di Gesù, fosse un’espressione potente della circolazione del  qi? In fondo molti studiosi e scienziati mettono in dubbio che la posizione delle stimmate possa essere compatibile con le crocifissioni: se la posizione dei piedi appare attendibile, su quella delle mani ci sono molte perplessità. Il palmo della mano non avrebbe potuto reggere il peso del corpo senza strapparsi, per cui molti pensano che i chiodi dovevano essere infissi più in basso, tra radio, ulna e carpo (se volete approfondire potete leggere qui).

Tutte queste mie considerazioni strampalate,  alla “Kazzenger di Giacobbo/Crozza”, sarebbero rimaste nella mia mente e non le avrei mai pubblicate,  se non mi fossi imbattuto nel libro “Digitopressione in 40 punti” e in vari articoli e video dello spagnolo Alejandro Lorente, che passa in rassegna i vari punti su cui praticare la digitopressione e, oltre a svelarne i benefici, ne racconta delle curiosità, alcune delle quali legate alle religioni…

Oltre ad idee simili alle mie sulle stimmate, Alejandro Lorente si focalizza su alcuni punti come ad esempio i laogong. In quante religioni si prega a mani giunte unendo i laogong fra di loro? E in quanti riti si prega aprendo i palmi delle mani e quindi mostrando i  laogong? E nei mudra induisti, quel collegare il pollice con le altre dita non è un collegare i vari meridiani? Giusto per fare un esempio il Chin e il Gyana Mudra (unione pollice e indice) non uniscono il meridiano del polmone con quello dell’intestino crasso, come facciamo spesso anche nel daoyin?

Foto tratte da Pixabay -rielaborazione lascimmiabianca.wordpress.com

Foto tratte da Pixabay – rielaborazione lascimmiabianca.wordpress.com

Ma la cosa più curiosa che fa Alejandro Lorente  è analizzare il segno della croce, che con forme differenti, è eseguito da: cattolici, ortodossi, luterani, metodisti e anglicani. Quando si recita “In nome del Padre” si porta la mano alla fronte  toccando quello che è il punto Yintang (fuori meridiano – dantian superiore). Poi, recitando “nel nome del Figlio”, si porta la mano al petto sopra il punto 17 di vasoconcezione (shanzhong – dantian centrale) che tra l’altro è lo stesso punto i cui i cristiani si battono petto quando recitano il “mea culpa”. Quando si dice “e dello Spirito Santo” si porta la mano alle spalle, toccando da entrambe i lati,  il punto Zhongfu ovvero il primo punto del meridiano del polmone ma soprattutto il primo punto di tutto il ciclo di circolazione dell’energia vitale. Infine si congiungono le mani unendo i punti laogong di cui abbiamo già parlato… E se i cattolici si segnano usando il palmo intero, gli ortodossi uniscono le dita pollice, indice e medio, unendo i meridiani polmone, intestino crasso e pericardio…

Saranno tutte coincidenze? Saranno solo suggestioni? … Chissà…

Annunci

10 pensieri su “Meridiani e Religioni.

  1. Aida ha detto:

    Mi si è aperto un mondo, considerando che nell’antichità ci si basava su un tipo di medicina che non è quello attuale.
    Una volta lessi su un giornaletto un consiglio sui dolori mestruali. Non so se sia una fesseria o possa essere riconducibile a qualcosa che ha a che fare con le tecniche orientali. Insomma l’articoletto diceva che se si avvertiva dolore da ciclo 8quindi addome, ovaie, schiena) bisognava esercitare una pressione con pollice e medio nella zona kidney (non sapevo come spiegare il punto, ma ho trovato su internet). Dopo la pressione era necessario fare un massaggio circolatorio per qualche minuto, cercano di concentrarsi durante l’operazione…
    Sarà che sono scettica, quindi per me non ha funzionato, ma potrebbe avere a che fare con la medicina orientale?

    Piace a 1 persona

    • Marco ha detto:

      Certo che potrebbe avere legami con la medicina orientale. Tieni conto che secondo la medicina cinese i reni (comprese le ghiandole surrenali), oltre che alle normali funzioni urinarie e di gestione dei liquidi, sovraintendono anche a tutta la sfera sessuale, riproduttiva, della crescita e degli ormoni e quindi sono legati a testicoli e ovaie e di conseguenza al ciclo. Tieni conto che per la medicina cinese i reni sono molto importanti in quanto sono la sede dell’energia originaria Jing che riceviamo dai genitori al momento del concepimento e che esauriamo al momento della morte.
      Il meridiano dei reni è molto lungo: parte da sotto il piede e termina alla clavicola, passando per l’interno coscia, i reni, i genitali e il torace. In tutto ci sono 27 punti di agopuntura e mi immagino che l’articoletto dicesse di massaggiare uno di questi punti. Quelli che si usano di più di solito sono il rene 1 (sotto il piede) e i punti intorno al malleolo (rene 3, 4 o 5)

      Piace a 1 persona

      • Aida ha detto:

        L’articolo parlava del palmo della mano, quella zona carnosa a ridosso del pollice. C’era il disegnino, lo ricordo ancora, e spiegava proprio di fare pressione e massaggio usando tre dita della mano opposta, ossia pollice, indice e medio. C’ho provato un paio di volte, ripeto. Ma sarà che non ho pazienza (la medicina cinese, se non erro, richiede tantissima pazienza) o che magari ho sbagliato proprio l’approccio.

        Quindi i reni sono molto più importanti, che ne so, dello stesso cervello e della stessa sede cognitiva?

        Piace a 1 persona

        • Marco ha detto:

          Ho capito! E’ il punto nella bocca della tigre! In pratica è la parte carnosa che si trova nella mano tra la base del pollice e quella dell’indice. E’ il punto 4 dell’intestino crasso ed è molto potente come punto antidolorifico generale e per il rilassamento. Non è specifico per i reni ma è una specie di analgesico per tutti i dolori, usato spesso per il mal di testa. Nella digitopressione di solito si massaggia mettendo il pollice dell’altra mano sopra, l’indice e medio sotto facendo dei piccoli movimenti circolari col pollice. Nel daoyin in molti esercizi si fanno scorrere le mani lungo il corpo con pollice e indice aperto, strusciando proprio la bocca della tigre…

          Piace a 1 persona

          • Marco ha detto:

            Dimenticavo… si ci vuole molta pazienza e costanza. E infine… si il cervello non è molto considerato… nel senso che i cinesi prediligono altri organi e visceri come cuore, reni, fegato, intestino, cistifellea, polmoni, vescica, etc…

            Mi piace

          • Aida ha detto:

            Si, movimenti circolari. Ora ricordo bene questo particolare. Se non sbaglio la pressione andava esercitata fra le i due nervi che passano tra le due dita, proprio in quel punto carnoso. Ma ripeto. O sbagliavo l’esercizio o partoscettica fin dall’inizio.

            Piace a 1 persona

            • Marco ha detto:

              Si è perfetto, non sbagliavi niente. Forse serviva più costanza, farlo più a lungo con entrambe le mani, più volte al giorno. L’effetto non è proprio immediato. Io a volte lo massaggio mentre guardo la televisione o cammino… O quando sento che mi sale l’ansia…

              Piace a 1 persona

              • Aida ha detto:

                L’ansia??? Va bene per l’ansia? Tempo addietro forse ti avevo chiesto qualcosa per l’ansia e mi sa che ho ricevuto la risposta. Devo provarci la prossima volta che mi sale la tensione. E poi ti dico.

                Ah, ti ricordi del tablet che andava lento? Avevi parlato in un post del tuo telefono e dei problemi relativi al funzionamento. Per far funzionare il mio aggeggio purtroppo ho dovuto resettarlo riportandolo alle imppstazioni di fabbrica. Oltre ad appartenere ad una produzione che presenta lo stesso difetto per tutti (molti utenti hanno avuto problemi peggiori con lo stesso modello di tablet), ho scoperto che gli aggiornamenti di sistema sono nocivi per chi li effettua e rallentano il processore fino a renderlo inutilizzabile. Evitando gli aggiornamenti delle singole app ed utilizzando solo quelle più importanti, il tablet va una scheggia (e consuma meno batteria!).

                Piace a 1 persona

                • Marco ha detto:

                  Scusa se rispondo in ritardo… Per l’ansia ci sono molti rimedi: da questo automassaggio alla meditazione, al controllo della respirazione. Logicamente l’effetto non è mai immediato… ci vuole tempo e pazienza.
                  Per il tablet sono contento… in genere tutti questi oggetti più sono leggeri, più vanno come schegge! E tanti aggiornamenti temo che siano fatti apposta per farli appesantire e farli sostituire anzitempo con modelli nuovi…

                  Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.